Utilizziamo con Joomla! cookies tecnici,analitici e di terze parti indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. Mentre utilizziamo cookies di terze parti per i banner pubblicitari e per raccogliere informazioni statistiche. Questo tipo di cookies necessita del consenso dei navigatori. Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito

Sabato, 22 Agosto 2015 08:33

Lingua Italiana nel mondo

Vota questo articolo
(0 Voti)

Tra le lingue più studiate al mondo, quella italiana risulta al quarto posto, subito dopo inglese, spagnolo e cinese, nonostante il dislivello numerico dei parlanti: infatti, le altre lingue ne contano almeno un miliardo, mentre l'italiano vanta una popolazione di molto inferiore. Sono altri, infatti, i fattori che fanno sì che la lingua italiana nel mondo sia così studiata.
L'italiano è la lingua più utilizzata negli ambiti ecclesiastici, ufficiale persino all'interno del Vaticano. Non è da sottovalutare la Chiesa come potenza culturale, geografica, ma anche istituzionale. Infatti, all'interno di college e centri universitari che fanno capo alla Sente Sede, tra gli studenti di diverse nazionalità è in uso preferire la lingua italiana per comunicare. Nella stessa figura del papa è tangibile l'utilizzo dell'italiano, con cui si esprime anche attraverso i mass media a fedeli di disparate origini etnico-culturali.
Un altro non trascurabile motivo per cui risulta logico che la lingua italiana nel mondo sia tra i primi posti in fatto di studio è senza dubbio il peso che la cultura del Bel Paese ha avuto e ha tuttora a livello universale. Certamente, prima fra tutte le espressioni artistiche che caratterizzano l'Italia nel mondo è la letteratura. Fiorente già nell'Età Augustea, la produzione letteraria della penisola non si è mai fermata, modificandosi e adattandosi all'evoluzione della lingua stessa – latino, volgare, francesismi e altri stilemi territoriali, fino a giungere all'attuale italiano –, dando vita a capolavori studiati e analizzati in Italia come all'estero.
L'arte intesa nel senso figurativo del termine, poi, ha contribuito in modo non indifferente a dislocare la lingua italiana nel mondo, nonché la cultura di un popolo vivace ed estroverso. Non è un caso che le bellezze artistiche dell'Italia siano mete di pellegrinaggio turistico di indicibile importanza.
Non si devono dimenticare nemmeno la musica, il bel canto e il melodramma nella serie di motivi per cui il mondo conosce la lingua italiana. Già a cavallo tra Seicento e Settecento la lingua ufficiale del melodramma era l'italiano, cantato e, di riflesso, conosciuto nei Paesi circostanti e amanti del genere.
Ma l'emigrazione della lingua italiana intorno al mondo non è da attribuirsi solo a ragioni culturali. Non va dimenticato l'ingente flusso migratorio che dall'Italia ha raggiunto e raggiunge ancora le Americhe (Argentina, USA e Canada per tutti gli altri Paesi) o mete europee come Belgio e Francia.
Tutto ciò e molto altro fanno dell'italiano, a ragione, una delle lingue più studiate al mondo.

Letto 961 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Blog News